Il tirocinio è una misura formativa di politica attiva finalizzata a creare un contatto diretto tra il tirocinante e il mondo del lavoro e consiste in un periodo di orientamento al lavoro e di formazione in una situazione che non si configura come rapporto di lavoro.

La normativa in materia di tirocini formativi e di orientamento trova fondamento nell’articolo 18 della legge n.196 del 24 giugno 1997 (Norme in materia di promozione dell’occupazione) e successive modificazioni e integrazioni, e nel successivo regolamento di attuazione dei principi e dei criteri approvato con decreto del Ministro del Lavoro e della Previdenza sociale n.142 del 25 marzo 1998. Ad oggi, ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione come modificato dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001 (Modifiche al Titolo V della Parte seconda della Costituzione), la materia attiene alla competenza regionale.

La Liguria, come altre Regioni, ha pertanto disciplinato la materia una prima volta con propria deliberazione di Giunta regionale n.555 del 18 maggio 2012, successivamente aggiornata con deliberazione n.1052 del 5 agosto 2013 con la quale la Regione ha recepito nel proprio ordinamento le “Linee-guida in materia di tirocini” extracurriculari approvate il 24 gennaio 2013 in sede di Conferenza Stato-Regioni in ottemperanza a quanto disposto a tal fine dalla legge n.92 del 28 giugno 2012, cosiddetta “Riforma del mercato del Lavoro”.

Queste ultime disposizioni prevedono, fra l’altro, che i soggetti promotori predispongano e presentino telematicamente la convenzione e il progetto formativo obbligatoriamente tramite l’apposito servizio informatico messo a disposizione dalla Regione, denominato SIL-TOL WEB, che assolve anche all’obbligo di comunicazione nei confronti delle organizzazioni sindacali e dell’Ispettorato del Lavoro previste dall’articolo 5 del DM 142/1998. Nella pagina dedicata al servizio telematico regionale, sono dettagliate le modalità operative per ottenere le credenziali di accesso al servizio.

Alla luce dell’esperienza maturata in questi primi anni di applicazione, il 25 maggio 2017 in Conferenza Stato-Regioni è stato approvato un nuovo documento, il cui testo è disponibile nella pagina dedicata a normativa e disposizioni, inteso a rivedere, aggiornare e integrare il contenuto delle precedenti “linee-guida”. Anche in questo caso le regioni si sono impegnate a recepire nei propri ordinamenti il contenuto del nuovo documento.

La precedente disciplina è stata perciò aggiornata con deliberazione di Giunta regionale n.1186 del 28 dicembre 2017 e la nuova disciplina è entrata in vigore il 1 gennaio 2018

CONTATTA LA SEDE FORMATIVA

8 + 5 =